venerdì 14 novembre 2008

Ricordo

il sole illuminava i suoi occhi,
anche se le tenebre
la volevano imprigionare.
L’amore era l’unica speranza,
la fede l’unica forza,
che portò la luce nelle tenebre.
La felicità la ricoprì di petali di rose.
L’amore gli rispose di sì,
ma la vita di no,
che la portò nella speranza
di conoscere colui che gli
aveva promesso
il sole eterno.

8 commenti:

Francesca ha detto...

Non so perchè, ma mi rispecchio perfettamente in questi versi...

Domenico, grazie per le tue parole ma soprattutto per le belle emozioni che riesci a darmi, scrivendo.
Ho apprezzato molto la poesia che mi hai lasciato nel blog... leggerla mi ha riempito il cuore :)

Domenico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Kaishe ha detto...

Buongiorno Domenico...
Non potevo fare a meno di cercarti e sono felice di averti trovato...
Il tuo nome è lo stesso del mio poapà... e di uno dei miei figli, quindi già una garanzia (anche se tutti i Domenico che conosco sono peperini!)...
Intanto dunque BENTROVATO... e piano piano vedrò di leggerti e conoscerti di più.
Il primo approccio è ottimo e questa tua poesia è dolcissima... Bravo!
A presto...

luce ha detto...

Carissimo, bella e forte questa tua poesia, forte perchè tocca sentimenti forti quali la Fede, la morte e la sua accettazione, il dopo e il prima della vita.

Hai ragione, a volte non consideriamo che grande valore ha la vita, ma sai bene che essendo uomini a volte il mondo ci condiziona e ci dimentichiamo che l'anima non ha nè corpo nè tempo nè morte.

Hai un'anima grande e spero tanto che tu la possa usare come fai con le tue poesie: la vivi con amore e gioia.Sei veramente una bella persona.

Baci dalla tua fan pugliese affezionata
Ti bacio.

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Una poesia dolcemente amara e commovente. Bella!
Buona domenica!

orchy ha detto...

Un pensiero per te da ritirare da me... :-)Marte e venere

luce ha detto...

Carissimo Domenico GRAZIE del premio e io adoro Memole!!
Avviso Gianni per mettere il premio ( è lui il tecnico) ma ti ringrazio tantissimo, sai come ti stimo.
Un bacio grande a te che sai essere grande ( dovresti volare più spesso)

Domenico ha detto...

a volte è meglio morire che vivere da cani bastonati queste sono parole di chi della vita forse non ha capito molto. questi versi li ho dedicati tempo fa ad una persona che non ho conosciuto personalmente ,una persona sempre col sorriso sulle labbra forse era la fede che aveva verso colui che ci ha promesso il sole eterno, che poi e morta dopo un mese dalle nozze per un male che non da scampo .
grazie a questa fanciulla noi persone piccole d'animo possiamo renderci conto della vera essenza di questa vita .
spero con ciò di non trasmettervi solo pensieri di tristezza ma tanta gioia che a volte la vita ci regala e che noi non riusciamo a capire.
grazie per tutto a tutti.